Il 2° Campionato del Mondo

La Finale

(1956-1959)

1.d4,d5 2.c4,e6 3.Cc3,Cf6 4.Cf3,Ab4 difesa Ragozin. E' proprio lui, Vyacheslav Ragozin (Pietroburgo 8.10.1908 - Mosca 11.3.1962), il vincitore di questo 2°Campionato del Mondo, ovvero: quando anche i grandi campioni a tavolino giocavano per corrispondenza. Ragozin era, dopo Kan, il giocatore che più frequentemente giocava partite di allenamento con il grande Botvinnik. Che soddisfazione deve essere stata per Mario Napolitano portargli via mezzo punto!  "Soltanto" un 7° posto per l'italiano, ma il torneo in questione fu in assoluto uno dei più forti di tutta la storia del gioco per corrispondenza. Basti vedere chi finì al al 3°posto, nientemeno che Lothar Schmid, diventato GM a tavolino con la vittoria del torneo di Zurigo nel 1954 all'età di 26 anni, ma che già a 22 si era fatto conoscere da tutto il mondo, classificandosi al 3°posto ex aequo con Golombek e Penrose precedendo, fra gli altri, il GM Bogoljubov, nel torneo di Southsea (e Napolitano ha pattato anche con lui!).  Al 2°posto il GM (per corrispondenza) Lucius Endzelins, nato in Estonia ma emigrato in Australia. Poi il GM Ake Lundquist, che confermò in seguito la sua forza piazzandosi ancora meglio (3°posto) nel campionato mondiale successivo, e ancora: il GM svedese Arnlind, l'ungherese Janos Balogh, grande appassionato di teoria, anche se non sempre riusciva a convincere il mondo della bontà delle sue linee (come l'apertura 1.e4,d6 2.d4,f5), poi Berthold Koch, maestro internazionale FIDE ed ICCF, editore della rivista "Schach". Presente anche il cecoslovacco Batik, che nel 1°campionato mondiale si era classificato al 2°posto proprio nelle semifinale vinta da Napolitano.

Qui sotto potete vedere due partite di Napolitano, piacevolmente commentate dal nostro GM. Le stesse partite di questa pagina le ritrovate poi anche in formato PGN da scaricare.

104 partite in PGN

 

.

.

1

2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15

Punti

Ragozin, V. USR

½

1 ½ 1 ½ ½ 1 1 1 0 1 1 1 1 11.0
Endzelins, L. AUS ½ . ½ ½ ½ ½ 1 1 1 1 1 ½ 1 ½ 1 10.5
Schmid, L. BRD 0 ½ . ½ 0 1 ½ 1 1 1 1 1 1 1 1 10.5
Lundqvist, A. SWE ½ ½ ½ . 0 1 1

½

1 0 ½ 1 1 1 1 9.5
Kjellander, S. SWE 0 ½ 1 1 . 0 0 1 1 ½ ½ 1 1 0 1 8.5
Arnlind, E. SWE ½ ½ 0 0 1 . ½ 1 ½ ½ 1 ½ ½ ½ 1 8.0
Napolitano, M. ITA ½ 0 ½ 0 1 ½ . ½ 1 0 0 0 ½ 1 1 6.5
Balogh, J. HUN 0 0 0 ½ 0 0 ½ . ½ 1 ½ 1 ½ 1 1 6.5
Koch, B. DDR 0 0 0 0 0 ½ 0 ½ . 1 1 1 ½ 1 1 6.5
Jezek, J. CZE 0 0 0 1 ½ ½ 1 0

0

. 1 0 ½ 1 ½ 6.0
Batik, F. CZE 1 0 0 ½ ½ 0 1 ½ 0 0 . ½ ½ 0 1 5.5
Bergraser, V. FRA 0 ½ 0 0 0 ½ 1 0 0 1 ½ . ½ ½ 1 5.5
Borsony, V. CZE 0 0 0 0 0 ½ ½ ½ ½ ½ ½ ½ . 1 1 5.5
Kaliwoda, K. AUT 0 ½ 0 0 1 ½ 0 0 0 0 1 ½ 0 .

0

3.5
Laustsen, A. DNK 0 0 0 0 0 0 0 0 0 ½ 0 0 0

1

.

1.5

 

Napolitano,M - Kjellander,S  1-0
2°CC World Ch Final corr, 1956
[Napolitano]
[E94]









Position after:

1.Nf3 Nf6 2.c4 g6 3.Nc3 Bg7 4.e4 d6 5.d4 0-0 6.Be2 Nbd7 7.0-0 e5 8.Kh1 probabilmente nuova in questa posizione. La mossa del testo ha lo scopo di togliere il Re dall'incomoda diagonale g1-a7, considerando che prima o poi il Pf2 dovra essere spinto e che, d'altra parte, il Nero dopo c6 puo con Db6 creare fastidi. 8...c6 9.b3 Re8 10.d5 neutralizzando l'efficacia della precedente mossa 9...,Te8 10...c5 forse una triste necessita in vista della forte pressione che il B puo, pero, preparare con calma attaccando sul lato di Re, senza preoccupazioni di controgioco al centro o sul lato di Donna. 11.Ne1 h6 12.Nd3 Nf8 13.Be3 b6 14.Qd2 Kh7 15.f3 g5 16.Rf2 Ng6 17.g3 Ng8 18.Rg1 f5 il N si e premunito nel miglior modo possibile contro il metodico e minaccioso attacco avversario, ed ora cerca un efficace controgioco al centro, oppure la possibilita di bloccare i pedoni (f4-f5!) 19.exf5 Bxf5 20.h4! sacrificio di pedone a lunga portata che rappresenta, probabilmente, l'unico modo di scompaginare il blocco difensivo del Nero. 20...gxh4 21.g4 Bd7 22.Ne1! in marcia verso g2-f4, inoltre si prepara l'attacco sulla diagonale b1-h7 22...Nf4 23.Bd1! Altro sacrificio, questa volta di qualita. 23...Nh3 24.Bc2+ Kh8 25.Qd3 Nf6 [l'alternativa 25...Nxf2+ non sembra migliore. Seguirebbe infatti 26.Bxf2 Nf6 27.Ne4 Kg8 28.g5! (non 28.Bxh4? per 28...Nxe4 29.Bxd8 Nf2+) 28...Nxe4 29.Qxe4 hxg5 30.Bxh4! con forte attacco.] 26.Ne4 Qe7 27.Rh2 Nxg1 28.Kxg1 Kg8 29.Ng2 Kf7 30.Nxh4 Rg8 [Forse migliore 30...Rh8 ma dopo 31.Ng6! Kxg6 32.Nxf6+ e4 33.Qxe4+ ecc..., il B ha eccellenti possibilita] 31.Ng6! sacrificio decisivo. La presa e, evidentemente, forzata. 31...Kxg6 32.Nxf6+ e4 33.Nxg8 il B sceglie il seguito piu semplice ed efficace senza cercare nuove complicazioni, come ad es.: [33.fxe4 Qe5 34.Nxd7 Qg3+ ecc...] 33...Rxg8 [ovviamente se 33...exd3 34.Nxe7+ Kf7 35.Bxd3 Kxe7 36.Bxh6 ecc...] 34.Qxe4+ Qxe4 35.Bxe4+ Kf6 36.Bxh6 Bxh6 37.Rxh6+ Ke5 38.Kf2! Bxg4 elegante, ma... 39.Ke3! abbandona

 

Napolitano,M - Ragozin,V  ½-½
2nd CC World Ch Final corr ICCF, 1956
[Napolitano]
[D87]









Position after:

 

1.d4 Nf6 2.c4 g6 3.Nc3 d5 4.cxd5 Nxd5 5.e4 Nxc3 6.bxc3 c5 7.Bc4 Bg7 8.Ne2 0-0 9.0-0 Nc6 10.Be3 Na5 11.Bd3 b6 12.Qd2 [12.dxc5? bxc5 13.Bxc5 Qc7 14.Rc1 e6 Polugaievskij-Kortschnoj, 1977] 12...Bb7 13.Bh6 e6 [13...cxd4= Szabo-Filip, Mosca 1956] 14.Bxg7 Kxg7 15.Rad1 [sarebbe stata migliore: 15.Qe3! ] 15...Rc8 16.Rfe1 Qe7 17.d5?! c4 18.Bb1 altro tratto non ottimale. Meglio: [18.Bc2] 18...Rc5 19.dxe6 fxe6 20.Nf4 Nc6 21.Qe3 Bc8 22.Rd2 Qg5 23.Nd5 Qe5! 24.f4! [se: 24.Nb4? segue 24...Nxb4 25.cxb4 Rc7 ed il N sta meglio.] 24...Qb8 25.f5! exf5! [non va 25...exd5 a causa di 26.exd5 Nd8 27.Qe7+ Nf7 28.fxg6 hxg6 29.Rf2! e il B va in vantaggio decisivo] 26.Rf1 [a 26.exf5 seguirebbe 26...Bxf5 27.Bxf5 Rxf5 28.Qe6 Qg8! 29.Qd7+ Qf7!] 26...Qe5 27.Qf3 Ne7! 28.Nf4 Kg8! [non 28...fxe4? per 29.Ne6+!] 29.exf5 Nxf5 30.Be4 Ne7 31.h4 Qc7 32.Rdf2 Re5 33.Qg3 con idea 34.Ce6! 33...Nf5 34.Nd5! Qd6 35.Bxf5 Bxf5 36.Nf4 [se 36.Ne3 segue 36...Qc5 e se poi 37.Nxc4? Re2! da al N vantaggio decisivo. Infatti a 38.Qf4 la risposta e 38...Re4] 36...Ree8 37.Rf3 Be4 38.Re3 Rf7 39.Rf2 Qe5 40.Qg4 Qc5 41.Qg3 Qe5 42.patta

 

come eravamo...

www.asigc.it

Maurizio Sampieri

Generated with ChessBase 7.0